1,559 visite totali,  1 visite oggi

Fa gelare il sangue sentire un pezzo grosso della Camorra, oggi pentito, dire che [highlight]i bresciani sono “rovinati” perché camminano su un inferno di rifiuti tossici[/highlight]. Nunzio Perrella lo ha detto di fronte a quegli stessi cittadini che contano morti e malattie tra amici, parenti e familiari. Lo ha fatto citando i nostri Paesi: [highlight]“Montichiari, Rovato, Castegnato, Ospitaletto, tutte le cave che stanno lì son tutte piene, voi state peggio di noi”[/highlight]. Parole che fanno rabbrividire.

Guarda la puntata

Guarda la puntata originale di “Nemo” con il servizio di Nello Trocchia

Ripensando alle mobilitazioni degli ultimi anni (Cava Macogna, Basta Veleni tra le tante) e alle decine di comitati quotidianamente sul piede di guerra per impedire nuovi stoccaggi, escavazioni e ampliamenti, sospetto che nessun bresciano si sia meravigliato di questa testimonianza. In un paese come [highlight]Montichiari[/highlight] ([highlight]7 disariche in un chilometro quadrato e 13 milioni di metri cubi di rifiuti stoccati[/highlight]) nessuno si sarà sorpreso. Mi chiedo piuttosto [highlight]cosa pensino i dirigenti di quegli enti – penso all’Asl – che nonostante allarmi, segnalazioni, miasmi, intossicazioni, malattie, tumori e arresti eccellenti continuano a negare che vi sia una correlazione tra le malattie diffuse e l’inquinamento ambientale[/highlight].

Più di due anni fa ho presentato un’interrogazione sulle incidenze tumorali nella provincia di Brescia, in particolare in Franciacorta, e da tempo [highlight]nel M5S chiediamo una moratoria[/highlight] sugli inquinanti nella nostra provincia, ma anche [highlight]bonifiche a tappeto[/highlight] e una [highlight]presa d’atto per irresponsabilità da parte dei vertici Asl, che si dovrebbero dimettere in blocco[/highlight].

Perrella ha raccontato che la nostra provincia è stata devastata grazie a una politica interessata e connivente, che avrebbe “guadagnato più della Camorra: venticinque lire al chilo di rifiuti per la politica, dieci per la Camorra”, perché “la Camorra è il braccio armato della politica, la politica è sopra la Camorra”. Parole difficili da dimenticare, come la sua ultima dichiarazione: [highlight]“Non è cambiato niente”[/highlight]. Molti grandi imprenditori lo cercherebbero tuttora per gestire lo smaltimento dei rifiuti in modo illecito.

Il servizio di “Nemo” (qui la puntata integrale) è l’ennesima spiegazione del perché i cittadini non si fidino più della politica, del perché siano letteralmente incazzati e del [highlight]perché, finalmente, abbiano deciso di organizzarsi[/highlight]. Sono cittadini accusati quotidianamente di populismo e di antipolitica, additati come impreparati e improvvisati, ma sono gli unici che mantengono vivi valori come salute, ambiente, onestà e giustizia.

[divider]

L’interrogazione sui tumori a Brescia presentata alla Camera.

Download (PDF, 36KB)

[divider]

banner-telegram-azzurro-3