910 visite totali,  2 visite oggi

Settimana scorsa mi hanno segnalato che all’interno de “Le Porte Franche” era partita la campagna massiva per il SÌ alla consultazione del 29 maggio, con tanto di mega cartellone pubblicitario (ca. 3m×2m).

Non ci volevo credere, per questa ragione, come San Tommaso, ho voluto toccare con mano. L’espressione del mio volto credo parli da sola.

Come diavolo si fa ad approfittare di un centro commerciale di grandissima affluenza, oggetto del dibattito cittadino, per promuovere una sola posizione?
Sicuramente legittimo dal punto di vista legale, indegno, a mio avviso, dal punto di vista morale.

Siamo alle solite, altra guerra tra Davide e Golia. Da una parte i cittadini che con pochissime risorse difendono con il cuore il territorio, dall’altra i potentati economici che difendono con importanti risorse finanziarie determinati interessi privati.

Le argomentazioni del NO a Porte Franche 2 sono senza dubbio le più credibili. Sta a ognuno di noi diffonderle nel migliore dei modi, anche se non abbiamo le risorse per le pubblicità sui giornali, gli spazi dentro il centro commerciale con le hostess che distribuiscono accattivanti brochure ai numerosi visitatori o la possibilità di inviare lettere a centinaia di dipendenti.

Mi auguro con tutto il cuore che anche in questo caso il coraggio di “Davide” trionfi sull’arroganza di “Golia”.

Passate parola! In particolare agli amici di Erbusco!

NO A “LE PORTE FRANCHE 2”!