516 visite totali,  1 visite oggi

Sono migliaia i lavoratori cosiddetti “precoci”, massacrati dalle politiche del Governo.

Si tratta di persone che hanno lavorato per 40, 41 o addirittura 42 anni, ma che sono troppo giovani per andare in pensione. Un’assurdità se pensiamo ai diritti acquisiti dai “baby pensionati” o dai “pensionati d’oro”.

A queste persone bisogna dare risposte immediate. Risposte che non si devono trasformare in finte “marchette elettorali” per ottenere consenso sul Referendum costituzionale.

Con il collega Davide Tripiedi abbiamo [highlight]proposto di abbassare a 40 anni o perlomeno a 41 il requisito pensionistico richiesto per accedere alla pensione[/highlight].

Sono davvero stanco di incontrare padri e madri di famiglia ultrasessantenni costretti a lavorare quando, alle spalle, hanno 40 anni di contributi versati. Sono cittadini già abbondantemente consumati dalla fatica, i cui figli nemmeno trentenni sono spesso disoccupati nonostante titoli di laurea e master.

[divider]

[divider]