441 visite totali,  1 visite oggi

Il problema del settore dei call center è vivo più che mai, soprattutto in questi giorni in cui migliaia di lavoratori di Almaviva rischiano il proprio posto di lavoro.
Da troppo tempo si aspettano risposte dalla politica di Governo che non arrivano.

Il M5S ha presentato delle proposte che potrebbero mettere la parola fine alla maggior parte dei problemi del settore, tutte proposte inascoltate:

Niente Co.Co.Co.: per il settore puntiamo a contratti a tempo indeterminato, a differenza di quanto prevede il Jobs act;
– La tutela della privacy dell’utente che ha diritto anche a sapere da quale Paese viene erogato il servizio;
Stop alle delocalizzazioni anche grazie a un Osservatorio nazionale su contratti e sulle delocalizzazioni nel settore;
– Maggiori sanzioni e divieto di percepire incentivi se l’azienda viola proprio le norme su privacy e delocalizzazioni;
– In caso di cambio di appalto nella pubblica amministrazione, clausola di salvaguardia sociale che tutela i lavoratori.

Fortunatamente i lavoratori hanno capito perfettamente come stanno le cose e in diretta Tv hanno avuto modo di dirlo chiaramente.


Leggi la proposta di legge sui call center presentata in Commissione Lavoro.

Download (PDF, 171KB)

[divider]

banner-telegram-azzurro-3