374 visite totali,  1 visite oggi

Giovedì 24 novembre, Camera dei Deputati, 4.40 del mattino.
Tra colleghi letteralmente addormentati si “discute” un mio [highlight]emendamento alla Legge di Bilancio riguardante il settore dei call center[/highlight]. Un settore che conta centinaia di aziende, alcune decine di migliaia di lavoratori e che merita particolare attenzione a causa della concorrenza spietata, del dumping sociale a cui sono soggetti i lavoratori e della delocalizzazione selvaggia. L’esempio di Almaviva parla da sé.

Con questo emendamento il Movimento 5 Stelle ha voluto chiedere al Governo un intervento forte a tutela del settore e degli addetti. E cioè:

  • Che in caso di delocalizzazione all’estero dei propri servizi le aziende fossero costrette a [highlight]restituire allo Stato gli incentivi ricevuti e i contributi pubblici[/highlight] di qualsiasi natura;
  • Che queste risorse fossero destinate a un [highlight]fondo di sostegno e formazione per i lavoratori rimasti senza lavoro[/highlight];
  • Che le aziende subentranti in un appalto fossero costrette a garantire [highlight]condizioni contrattuali pari o migliori a quelle precedenti[/highlight];
  • L’obbligo di far sapere all’utente la [highlight]provenienza della chiamata[/highlight];
  • L'[highlight]esclusione dei contratti di tipo Co.Co.Co.[/highlight] a favore di veri contratti di lavoro subordinato: un atto dovuto soprattutto per quella larghissima fetta di lavoratori (in larga parte donne) con età media di 40-50 anni.

Pensate che la nostra proposta sia stata ascoltata? Ovviamente no. Al contrario è stato [highlight]votato favorevolmente l’emendamento più blando del Partito Democratico[/highlight] (sanzioni in caso di delocalizzazione, ma nessun obbligo di restituzione dei contributi, nessuna esclusione dei Co.Co.Co. e vincoli meno stringenti per lo switch off). Emendamento che peraltro [highlight]rischia di essere affossato in Senato a causa di contrasti interni alla maggioranza[/highlight].

Sintesi della nottata: [highlight]i call center chiamano, il Governo dorme e non risponde[/highlight].

[divider]

Ascolta il mio intervento durante la discussione alla Legge di Bilancio.

[divider]

banner-telegram-azzurro-3