441 visite totali,  1 visite oggi

«Bresciani, un popolo di alcolizzati, fumatori incalliti e obesi». Parola di Ats Brescia (ex Asl)!

L’Asl Brescia e in primis il suo direttore Carmelo Scarcella continuano con il negazionismo, anche davanti all’evidenza.

E’ certificato da anni e da studi scientifici (come il rapporto «Sentieri» dell’Istituto Superiore di Sanità) quanto a Brescia ci si ammali di tumore più che nel resto d’Italia e quanto sia evidente la correlazione diretta tra l’aumento delle neoplasie e i veleni dell’industria chimica, i Pcb e le diossine che hanno devastato il territorio.

Ma questo l’Asl non lo vuole ammettere; per chi si deve occupare della nostra salute i problemi dei bresciani sono sigarette, alcool e obesità.

Già nel 2014 i cittadini rappresentanti una rete di quaranta comitati ambientalisti avevano fatto irruzione nell’ufficio di Scarcella denunciando la sua colpevolezza per aver minimizzato i risultati emersi dallo studio «Sentieri». Per questo erano stati denunciati e per questo sono stati recentemente assolti.

Un dato sottolineato da ATS fa riflettere: la mortalità a Brescia è diminuita grazie alla prevenzione, all’assunzione di farmaci, o meglio, si muore ancora per tumore e malattie cardiovascolari, ma si muore più in la con l’età! E questi anni di malattia come vengono vissuti? Qual’è la qualità della vita dei bresciani?

Negare le principali cause delle malattie che affliggono i bresciani non consente di intervenire preventivamente e alimenta il sistema sanitario privato, mantenuto dalle nostre disgrazie! Un’altra prova per ribadire ciò che sosteniamo da tempo: VIA I VERTICI DELL’ATS!

Se vuoi viaggiare anche tu tra il mondo reale e il mondo virtuale dell’Ats Brescia e aiutaci a trovare le cattive abitudini dei bresciani!

Di Dino Alberti

[divider]