L’Italia è quello strano Paese in cui si muore perché si perde o non si trova lavoro. Ma è anche il Paese in cui si muore sul posto di lavoro.

Morti bianche 2017 per Regione (Fonte Inail)

Il “bollettino” del 2018 è terribile: 151 morti da inizio anno. Secondo l’Osservatorio indipendente di Bologna nel 2017 le vittime sono state 632, quasi due al giorno.

Le ultime vicende di cronaca (Livorno e Treviglio) ci ricordano quanto il lavoro sia centrale nella vita di ognuno di noi, basti pensare che i lavoratori dell’azienda di mangimi bergamasca sono intervenuti il giorno di Pasqua, fuori dal normale orario e in seguito a delle segnalazioni per cattivi odori.

Morti bianche 2017 in rapporto agli occupati (Dati Inail)

Non è più accettabile morire così, non si fa mai abbastanza per la tutela della sicurezza. Se è vero che l’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, non ci dobbiamo dimenticare che al centro ci dev’essere sempre la persona. Non dimentichiamocelo mai!

In questi giorni di festa il pensiero e la solidarietà va ai famigliari delle vittime.