Oggi ho accompagnato il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio al presidio dei lavoratori davanti ai cancelli della Medtronic di Torbole Casaglia.

Oltre 300 dipendenti rischiano il posto. Crisi aziendale? No, riorganizzazione (o meglio: delocalizzazione!) probabilmente finalizzata a massimizzare i profitti di una realtà che funziona e che è un’eccellenza nelle tecnologie biomedicali grazie a un personale altamente qualificato.

Come Governo siamo vicini a queste famiglie che stanno giustamente manifestando per difendere i propri diritti.
I Ministeri competenti utilizzeranno tutti gli strumenti a propria disposizione e la cosiddetta “moral suasion” per far desistere l’azienda dalla scelta di lasciare immotivatamente centinaia di famiglie in mezzo alla strada, soprattutto dopo aver beneficiato di risorse pubbliche.

Il decreto dignità darà una seria stretta alle delocalizzazioni selvagge affinché le aziende che lasciano il nostro Paese spostando le produzioni all’estero restituiscano con gli interessi tutti i finanziamenti pubblici ricevuti negli anni.

Dobbiamo voltare pagina, farlo subito e farlo insieme.