1,211 visite totali,  32 visite oggi

La crescita delle esportazioni italiane sta superando ogni previsione e aspettativa, segno che la nostra ostinata scommessa sull’export e sul “made in Italy” è stata davvero la mossa giusta per il nostro Paese.

Solo per quanto riguarda le esportazioni di beni, il primo semestre di quest’anno ha fatto registrare un +24,2% rispetto al primo semestre del 2021, nonché un superamento dei livelli pre-Covid: dai 480 miliardi del 2019 ai 482 miliardi della prima metà del 2021. Su base annua ci attende un +11,3%.

I numeri sono quelli analizzati e riportati dal centro studi di SACE nel suo “Rapporto Export 2021”, che prevede che le vendite di prodotti “made in Italy” cresceranno di un altro +5,4% nel 2022, fino a raggiungere i 550 miliardi nel 2024.

Come scrive oggi Il Sole 24 Ore insomma “l’export è tornato a essere il motore del sistema Paese”, con risultati che da Nord a Sud nel primo semestre sono stati estremamente positivi per 19 Regioni su 20. Si va da un +8,5% della Puglia al +53,1% della Sardegna, passando per il +22,6% della Lombardia.

Anche le aree maggiormente orientate al turismo e dunque più penalizzate dalla pandemia mondiale si preparano a una crescita imponente, precisamente a un balzo che va dal +5,15% di quest’anno al +35,1% del 2022.

E’ importante ricordare che non si tratta solamente di un “rimbalzo” fisiologico dovuto al superamento della fase più critica della pandemia. Le ingenti risorse che abbiamo destinato all’internazionalizzazione delle imprese, l’insistente lavoro per sottoscrivere nuovi accordi commerciali sul piano internazionale e il “Patto per l’export” del valore di 5,4 miliardi di euro sono il motore di una crescita che sta sorprendendo tutti gli osservatori.

La stessa SACE parla di un “rialzo rispetto alle nostre precedenti previsioni, più che compensando quanto perso nel 2020”, e di un “recupero migliore rispetto a quanto previsto dal modello per i nostri principali peer europei, che consentirà all’Italia di mantenere invariata la propria quota di mercato mondiale anche nel 2021”.