2,760 visite totali,  16 visite oggi

Oltre un quarto delle ore di cassa integrazione ordinaria, cassa in deroga e fondi della bilateralità è stato richiesto da attività che non sono state colpite dall’emergenza Coronavirus. Un dato scioccante quello presentato oggi dal presidente dell’Ufficio Parlamentare di Bilancio e che chiama in causa Confindustria, il cui presidente ha sminuito il problema e attaccato direttamente il presidente Inps Pasquale Tridico (il primo a denunciare il fenomeno).

A seguire, il comunicato che riporta la posizione sottoscritta da tutti i parlamentari del MoVimento 5 Stelle che siedono in Commissione Lavoro.



SULLA CASSA INTEGRAZIONE TRIDICO AVEVA RAGIONE: “INDIVIDUATE” VARIE IMPRESE IRREGOLARI A DISCAPITO DELLE IMPRESE IN SOFFERENZA. QUALCUNO DOVREBBE CHIEDERE SCUSA

ROMA, 28 LUGLIO – Oltre un quarto delle ore di Cig, Cig in deroga e Fondi della bilateralità è stato utilizzato da imprese che non hanno subito alcuna riduzione di fatturato. Questo è il dato emerso oggi durante l’audizione dell’Ufficio Parlamentare di Bilancio.

Un risultato che arriva dall’incrocio dei dati del monitoraggio dell’Inps con quelli della fatturazione elettronica dell’Agenzia delle Entrate e che dovrebbe preoccupare anche Confindustria, visto che i fondi di cui le aziende beneficiano irregolarmente sono risorse di cui vengono private la stragrande maggioranza di piccole e medie imprese in sofferenza e che lottano per sopravvivere.

Lo stesso presidente di Confindustria, che qualche tempo fa aveva attaccato pesantemente il presidente dell’Inps Tridico – che aveva appunto denunciato tali comportamenti da parte di una minoranza di imprese – oggi farebbe bene a chiedere scusa.

In un momento come questo, in cui tante imprese e famiglie sono in difficoltà, beneficiare di incentivi non dovuti è un atto criminale: continueremo a sostenere lavoratori, famiglie e imprese in difficoltà e a perseguire chi tenta di frodare lo Stato.

(Parlamentari MoVimento 5 Stelle Commissione Lavoro)



La nostra prima risposta agli attacchi di Confindustria dopo le prime denunce sul ricorso illecito alla Cig sollevate dal presidente Pasquale Tridico (12 giugno 2020)