Il Governo si sta preparando a reintrodurre uno strumento utile e di buon senso per tutelare migliaia di lavoratori: la cassa integrazione per cessazione. Solo nel settore metalmeccanico il 24 settembre ci saranno tra i 60 e gli 80 mila posti di lavoro a rischio per la scadenza degli ammortizzatori sociali. La cassa integrazione per cessazione rappresenterà un aiuto anche per una parte di loro.

Mentre penalizziamo le imprese che delocalizzano con soldi pubblici e lavoriamo per favorire il “reshoring”, dall’altra non rimaniamo indifferenti di fronte a chi sta pagando i disastri consegnati dai precedenti Governi, a partire da quello di Mattero Renzi con il Jobs Act.

Come ha spiegato Luigi Di Maio, però, la cassa integrazione per cessazione sarà solo un “ponte” prima dell’arrivo del reddito di cittadinanza, e per quanto i media e i poteri forti si ostinino a creare allarmismi e tensione, anche questo sarà presto una realtà.